Itinerari di arte

Itinerari di arte

I nostri borghi veri e propri giacimenti culturali. More »

Itinerari naturali

Itinerari naturali

Un territorio verde ancora incontaminato vera sorgente di benessere More »

 

Category Archives: Cultura

Apertura della stagione de “Le Valli del Teatro” al teatro Mariele Ventre di Sasso di Castalda

  • Paola Tiziana Cruciani e Alessandra Costanzo aprono la stagione teatrale di Sasso di Castalda nel segno delle donne

SASSO DI CASTALDA - Inizio con il botto per la nuova stagione de “Le Valli del Teatro” che, sabato 16 Dicembre, inaugurano la programmazione 2017/2018 regalando al proprio pubblico alcuni dei più grandi nome del teatro italiano degli ultimi anni.

In scena due stimate artiste del panorama teatrale e cinematografico, Paola Tiziana Cruciani e Alessandra Costanzo, protagoniste del pungente “Sugo Finto” scritto appositamente per loro da Gianni Clementi, oggi tra i più apprezzati e prolifici autori per il teatro.

La commedia vincitrice della rassegna “Attori in cerca d’autore”  di Ennio Coltorti, che ne cura anche la regia, ha già riscosso un notevole successo di critica e pubblico nel recente passato diventando un vero e proprio cult per gli amanti del palcoscenico.

La storia narra di due sorelle zitelle, Addolorata e Rosaria, offese da una natura ingenerosa, che trascorrono la propria esistenza in un battibecco infinito che Rosaria domina ed Addolorata subisce. Finché un giorno Rosaria, colpita da un ictus, deve essere assistita da Addolorata, che finalmente può vendicarsi dei soprusi subiti per tutta la vita dalla sorella. 

“Sugo finto”, che andrà in scena al Mariele Ventre a partire dalle 21:00, fa parte della sezione “Teatro al femminile” grande novità della nuova stagione de “Le Valli del Teatro” che quest’anno hanno scelto di raccontare soprattutto storie di donne e storie scritte, dirette ed interpretate da donne.

Saranno donne coraggiose come le sorelle Mirabal di “Farfalle”, in scena il 7 gennaio, donne di grande talento come Daria Paoletta, straordinaria attrice foggiana che in “Amore e Psiche”, il 18 Febbraio, proporrà la sua originalissima interpretazione del classico di Apuleio, e donne comuni protagoniste di vite che migliaia di altre donne hanno vissuto come “Ombretta Calco”, in programma il 5 Aprile. A completare il cartellone la rivisitazione di due grandi classici come “Uomo e Galantuomo” e “Romeo e Giulietta” in scena rispettivamente  il 4 Febbraio ed il 2 Marzo ed infine, l’11 Marzo, il pluripremiato “Sempre Domenica”, splendido coro a sei voci del gruppo Controcanto Collettivo. 

Associazione Piccoli Teatri
Via San Martino, 24
85050 – Satriano di Lucania (Pz)
Tel. +39 320 46 91 052
direzione@levallidelteatro.it vallidelteatro@gmail.com

  • LE VALLI DEL TEATRO – STAGIONE TEATRALE 2017/2018 SASSO DI CASTALDA – TEATRO MARIELE VENTRE

PROGRAMMA DEGLI SPETTACOLI

Sabato 16 Dicembre ore 21,00
TEATRO AL FEMMINILE
Sugo Finto

Domenica 07 Gennaio ore 17,30
TEATRO AL FEMMINILE
Farfalle

Domenica 04 Febbraio ore 17, 30
Uomo e Galantuomo

Domenica 18 Febbraio ore 17,30
TEATRO AL FEMMINILE
Amore e Psiche

Domenica 11 Marzo ore 17,30
Sempre Domenica

Giovedì 22 Marzo ore 21,00
Romeo e Giulietta

Giovedì 05 Aprile ore 21,00
TEATRO AL FEMMINILE
Ombretta Calco

ABBONAMENTO
intero € 50,00
ridotto € 40,00
BIGLIETTI
intero € 12,00
ridotto € 8,00
INFORMAZIONI E PREVENDITA
Associazione Piccoli Teatri
Via San Martino, 24
Satriano di Lucania (Pz)
Tel. +39 320 46 91 052
segreteria@levallidelteatro.it
Comune di Sasso di Castalda
Tel. 0975 385016

MARATEA – Le Giornate del Cinema Lucano – Premio Internazionale Maratea 2017

  • Nicola Ragone, Ivan Brienza e Carmine Donnola, per parlare del docufilm “Urli e risvegli”

Dal 25 al 29 luglio, Maratea grazie alla Lucana Film Commission ha ospitato la kermesse caratterizzata da proiezioni di film prodotti dai più promettenti giovani filmmakers lucani.

Ospiti illustri come Leonardo Pieraccioni, Christian De Sica, , Valerio Mastandrea, Sergio Castellitto, Ambra Angiolini, solo per citarne alcuni, hanno arricchito l’evento.

Presenti alla manifestazione Nicola Ragone, Ivan Brienza e Carmine Donnola, per parlare del docufilm “Urli e risvegli”.

Il documentario, interamente girato in Basilicata, è stato presentato il 27 aprile scorso, in prima nazionale, durante il Bif&st, il festival internazionale del cinema di Bari racconta la storia di Carmine Donnola, un bidello in una scuola media anche che sconfigge una lunga dipendenza dall’alcool grazie alla poesia.
Sul palco vengono raccolti i pensieri di ciascuno dei tre principali protagonisti di quest’opera.

Ragone, il regista: “Non sono un documentarista, ma è stato bello costruire quest’opera lavorando con Carmine e sulla sua incredibile storia di vita.”

Brienza, il produttore: “Sono il produttore dell’opera, attraverso la quale abbiamo provato a narrare una storia di riscatto e rinascita. Conosce Carmine e collaborare con lui è stato eccezionale.”

Donnola, l'attore protagonista: “Più che un poeta sono un matto. Solo un matto butta via una vita come ho fatto io. Sono stato fortunato, però, ad avere la possibilità di riscattarmi tramite la poesia.”

Burgentia d’autore Festival

Piera Carlomagno al Burgentia d’Autore Festival
A Brienza, Piera Carlomagno, giornalista de Il Mattino di Napoli, presenterà “Intrigo a Ischia”

Sarà Piera Carlomagno ad inaugurare la rassegna “Burgentia d’autore Festival” nella Città di Brienza, venerdì 30 giugno, alle ore 20, in Piazza Unità di Italia. Interverranno il sindaco, Donato Distefano e l’assessore alla cultura, Angela Scelzo. Condurrà i lavori il direttore di FullPress Agency, la giornalista Anna Bruno.


Mina Scotto De Falco, matriarca di una dinastia di costruttori e proprietaria del lussuoso Hotel Makadi a Ischia, viene trovata morta in piscina in una notte di inizio estate. I sospettati? Quasi tutti i familiari che risiedono nello stesso albergo: i cognati avidi, le cognate pettegole, una nipote troppo affascinante, il secondo marito giovane e sciupafemmine… Passano solo poche ore e nei Quartieri Spagnoli di Napoli, viene uccisa Patrizia, il più bel femminiello della casa da gioco e di piacere della signora Candida. Due mondi lontanissimi, due casi diversi. Oppure no? Indaga Annaluce Savino, spregiudicata cronista locale avvezza alle luci e alle ombre del bel mondo ischitano. Indaga il commissario Baricco, affascinante torinese trapiantato tra le insidie della malavita napoletana. E inaspettatamente le loro ricerche si intrecciano e si rincorrono, facendo scintille… Un giallo che è una festa dei sensi: la luce dell’estate del Sud, il respiro cupo della «città sotto la città», i profumi e le voci del mondo inquieto delle donne. Perché la Napoli di Piera Carlomagno è femmina, tra signore dell’alta società, ragazze perdute, madri e sorelle di camorra e seduttrici che non hanno paura di rischiare. Femmina e irresistibile. Femmina e affamata. Femmina e vendicativa. E non concede quiete né certezze, fino allo sconcertante finale.

Tahar Ben Jelloun racconta “la sua Matera” sulla stampa nazionale

Tahar Ben Jelloun racconta “la sua Matera” sulla stampa nazionale
Collaborazione tra Apt e La Milanesiana

La Repubblica, Corriere della Sera, L’Espresso: sono le prime autorevoli testate nazionali che in questi giorni stanno raccontando la Basilicata e Matera attraverso gli occhi di Tahar Ben Jelloun, lo scrittore franco-marocchino ospite dell’Apt Basilicata a Matera a febbraio, in collaborazione con La Milanesiana.

Una collaborazione con il festival di letteratura, musica, cinema, scienza, arte, filosofia e teatro ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi, in programma a Milano dal 22 giugno al 12 luglio 2017, che si rinnova anche quest’anno e che porta a raccontare la Basilicata attraverso gli occhi di prestigiosi autori mondiali.

Dopo Michael Cunningham nel 2016, l’iniziativa ha dunque condotto quest’anno a Matera Tahar Ben Jelloun, il quale racconterà il suo incontro con la Città dei Sassi durante la kermesse milanese, incontro che sta già dando i primi concreti risultati sulla grande stampa nazionale.

“Matera è una sinfonia. – scrive Ben Jelloun su La Repubblica di oggi – Bisogna tendere l’orecchio per sentirla. Un’armonia che deriva più dal caso che dalla mano dell’uomo. Caso o forza della natura, potenza della roccia. Scolpita nella pietra, nella dura roccia, nel sogno di uomini e donne che si nascondevano lì per amarsi. Alcuni per pregare, implorare il cielo di essere indulgente con quella gente umile le cui case, spesso modeste, sono le une sulle altre. Altri peri rievocare il passato, una memoria carica di storia e di sconvolgimenti”.

“Nell’incontro con la Città dei Sassi – ha scritto il direttore generale dell’Apt, Mariano Schiavone, nell’introduzione al catalogo La mia Matera dello scrittore e artista Premio Goncourt per la letteratura nel 1987 – Jelloun avrà forse risentito l’emozione di Pier Paolo Pasolini, che qui ritrovò il proprio «villaggio vivente nella memoria», i luoghi e i volti del suo “Vangelo secondo Matteo” che in Palestina erano andati perduti. Luoghi e volti tradotti da Jelloun in quella specialissima poesia visiva che incrocia segni e simboli di mondi solo apparentemente distanti – Fès, Tangeri, Rabat, Parigi, Matera – consegnati in un’opera di risignificazione originale e imprevista, filtrata dalla sensibilità non comune di un intellettuale e giornalista impegnato, voce fra le più autorevoli e originali della letteratura contemporanea, capace di utilizzare con eguale intensità molteplici linguaggi e forme espressive”.

“Matera che oggi mi fa venir voglia di disegnare, – continua lo scrittore – di dipingere, di mettere colore là dove la pietra ha un unico colore. Ho voluto vestire questa città unica di sogni dai colori vivaci, colori che ho immaginato e disposto come un vestito sulle spalle di una sposa”.



 

Festa della Musica 2017

Orchestra e coro manos blancas dei nuclei di Basilicata e Puglia a Matera in occasione della Festa della Musica 2017

Sulle note eseguite da oltre 200 bambini, il Sistema Abreu sarà protagonista di uno degli appuntamenti della Festa della Musica a Matera. Dopo il grande successo ottenuto lo scorso anno, su invito della Fondazione Matera – Basilicata 2019, i piccoli interpreti delle Orchestre e dei Cori “manos blancas” dei nuclei di Basilicata e Puglia tornano a esibirsi nella Capitale europea della Cultura 2019.
In piazza San Francesco d’Assisi, con inizio alle ore 19,30, Orchestre e dei Cori “manos blancas” dei nuclei di Basilicata e Puglia eseguiranno la fiaba musicale Il viaggio di Luna. Uno spettacolo organizzato dal Lams su testo dello scrittore Antonio Aprile, con musiche e direzione di Andrea Gargiulo e con la voce recitante della cantante e attrice Veronica Pompeo. A dar prova delle acquisite abilità di giovani musicisti oltre 200 bambini e ragazzi in rappresentanza dei nuclei, i centri didattici permanenti sul territorio, di: Lams Matera-Taranto, Assocazione “Pafundi” Pietragalla (PZ), Associazione “Mascolo” Ferrandina (MT), MusicaInGioco-Adelfia (BA), MusicaInGioco-FondazioneVittorioBari Palo del Colle (BA), MusicaInGioco-Gianfranco Giorgio Acquaviva delle Fonti (BA), coro Manos Blancas MusicaInGioco-FamigliaDovuta, coro Manos Blancas Lams-Taranto, nuclei scolastici “Armonie per la salute a scuola” coro Manos Blancas e orchestra 3° C.D.”MusicaInGioco-Roncalli” di Altamura, coro 2° C.D. “MusicaInGioco-S.Francesco” di Santeramo (BA).


“L’esperienza italiana del Sistema delle Orchestre nasce con l’obiettivo di creare bellezza e favorire l’inclusione sociale attraverso l’accesso gratuito alla musica e a ogni forma di arte – ricorda Giovanni Pompeo, direttore artistico del Lams. – Un programma prima educativo e sociale e poi musicale, che il Lams ha sposato sin dal 2011 creando in Basilicata e in Puglia i “Nuclei”, i centri didattici permanenti sul territorio che realizzano attività musicali con scopi, criteri e modalità didattiche e operative del Sistema in Italia. Il “Sistema” è un progetto dall’alta valenza sociale, di inclusione in orchestre e cori di bambini e giovani anche con disabilità. Creato nel 1975 in Venezuela dal maestro Josè Antonio Abreu e portato in Italia nel 2010 dal Maestro Claudio Abbado, il Sistema è ormai una realtà consolidata. Basilicata e Puglia ne sono regioni guida: oltre 2mila bambini ricevono, in maniera del tutto gratuita, strumenti e lezioni di musica tenute da professionisti formati ad hoc per questo progetto. Siamo lieti dell’invito a far esibire i nostri giovanissimi allievi alla Festa della Musica a Matera – conclude Giovanni Pompeo – siamo certi che, così come accaduto lo corso anno, Orchestre e Cori “manos blancas” dei nuclei di Basilicata e Puglia sapranno trasmettere al pubblico gioia, entusiasmo e voglia di condividere la passione per la musica ”.


Il Maggio dei Libri

Filiano: grande successo per la quarta edizione de “Il Maggio dei Libri”

Anche quest’anno l’Amministrazione comunale di Filiano e la locale Pro Loco hanno aderito per la quarta volta a “Il Maggio dei Libri – Leggere fa crescere”, la campagna nazionale promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo. La manifestazione, coordinata dalla Biblioteca comunale, ha realizzato un intenso programma di iniziative che ha coinvolto associazioni culturali e autori, contribuendo così a dare un rinnovato impulso al valore sociale della lettura. Il filo conduttore è stato il paesaggio, nelle sue molteplici declinazioni, come elemento poetico e narrativo in se stesso: un percorso di letture, riflessioni e attività molteplici per scoprire come è raccontato e con quali modalità tutti noi siamo chiamati a difenderlo.



La manifestazione che ha coinvolto le Scuole Primarie e Secondarie di primo grado del territorio, ha raccolto un enorme successo sia in termini di partecipanti che in termini di gradimento. Intense e qualificate le iniziative messe in cantiere. Fra le più significative le letture di racconti tenute presso il bosco di Montecaruso per poi spostarsi a conoscere le Pitture rupestri di Filiano. Di grande interesse la testimonianza di Donatantonio Martinelli, guida esperta del territorio, il quale ha raccontato il bosco di Montecaruso un condensato di specie botaniche che suscitano grande interesse. Martinelli ha esortato i numerosi studenti che hanno partecipato all’incontro a guardare con nuovi occhi il proprio territorio e a immaginare possibili percorsi di valorizzazione per quei luoghi.



«L’iniziativa – afferma l’operatore della locale biblioteca Vito Sabia – ha voluto rappresentare un modo nuovo di approcciarsi ai libri, portandoli fuori dai loro contesti tradizionali, incontrando le piazze, le vie, i luoghi della nostra quotidianità, i boschi, i siti archeologici favorendo forme di lettura condivisa che coinvolgano tipologie di pubblico disparate». «L’edizione di quest’anno – dichiara il Sindaco di Filiano Francesco Santoro – è stata arricchita non solo dal punto di vista del numero degli incontri letterari ma anche per l’interdisciplinarietà: oltre alle letture ci sono state visite guidate. Un modo per coinvolgere il maggior numero possibile di cittadini e per raccontare il nostro paesaggio».

“Questo sito utilizza i cookie. Se prosegui la navigazione accetti il loro uso.” Info aggiuntive | Close