Itinerari di arte

Itinerari di arte

I nostri borghi veri e propri giacimenti culturali. More »

Itinerari naturali

Itinerari naturali

Un territorio verde ancora incontaminato vera sorgente di benessere More »

 

Category Archives: Pietragalla

Pietragalla riabbraccia il suo illustre concittadino il Professor Michele Gallucci luminare dell’urologia

  • UNA SPLENDIDA GIORNATA

Per i tantissimi pietragallesi presenti quella di giovedì 28 dicembre è stata una serata ricca di emozioni nel giorno in cui si è svolta la seconda edizione del “Premio Palmenti”. Pensata dal Comune di Pietragalla, dalla Pro Loco e dal mensile “Riflessioni”, la manifestazione dove gli organizzatori hanno premiato il Professor Michele Gallucci e la comunità pietragallese ha riabbracciato il loro illustre concittadino, è stata magistralmente condotta dal giornalista e direttore del mensile locale “Riflessioni” Alessandro Boccia. Una serata all’insegna delle sorprese, degli aneddoti e dei racconti di uno dei luminari della medicina mondiale, tra i primissimi urologi del mondo, professore universitario e Responsabile del reparto di Urologia dell’Istituto Tumori Regina Elena di Roma (IRE). Tra le piacevoli sorprese dedicate al Professor Gallucci spiccano certamente i saluti tramite video, registrati poco prima della manifestazione, del filosofo, nonché giornalista di “Rai 2” prima e “Canale 5” poi, Luciano Onder, del Presidente della Regione Basilicata, nonché oncologo, Marcello Pittella e del Sottosegretario al Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca in carica, già Sottosegretario alla Ministero della Salute, Vito De Filippo. Saluti e complimenti sinceri per il “Prof. Gallucci”, non di circostanza, ma derivati dall’ammirazione per un “missionario innamorato della vita degli altri” oltre che per un fuoriclasse nella sua professione. Tante le frasi che rimarranno nella mente dei moltissimi pietragallesi presenti che non hanno mai avuto paura di scalfire il palmo della propria mano, visto i tanti applausi che sempre concludevano ogni suo racconto e ogni sua battuta. “Noi mi sono mai rassegnato all’idea che una persona possa morire di tumore e tanto è il mio dolore quando questo avviene” è forse la frase che ha suscitato più emozione. “E’ importante che i giovani imparino bene questo mestiere ma è altrettanto importante che con l’aiuto della robotica vadano sempre avanti nella ricerca per affinare la tecnica e raggiungere  risultati sempre migliori e sempre più vicini alla perfezione” l’affermazione che ha ispirato più fiducia nel futuro in un campo, come quello della medicina, sempre più in evoluzione e “ Ho ricevuto tanti premi, l’ultimo a Copenaghen, ma l’emozione che mi sta dando questo riconoscimento non può essere e non potrà mai essere paragonato a nessun’altro“ insieme a “Noi pietragallesi siamo nati per primeggiare” sono state quelle che hanno inorgoglito tutti i presenti e, lasciatemelo dire, ancora di più gli organizzatori di questa, che ricordando ITALIA – GERMANIA 4-3, citata dal nostro illustre cittadino, e parafrasando una famosa canzone di Vasco Rossi, resterà, per noi pietragallesi, UNA SPLENDIDA GIORNATA.

Antonello Ruzzi

  • Video

E’ originario di Pietragalla il nuovo primario di cardiochirurgia delle terapie avanzate dell’ospedale “San Raffaele” di Milano.

  • Raccoglie l’eredità del professor Ottavio Alfieri, primario dal 1996

E’ originario di Pietragalla il nuovo primario di cardiochirurgia delle terapie avanzate dell’ospedale “San Raffaele” di Milano. Michele De Bonis, originario di Pietragalla, assieme al professor Alessandro Castiglioni, nuovo primario dell'unità operativa di cardiochirurgia, raccoglie l’eredità del professor Ottavio Alfieri, primario dal 1996 della cardiochirurgia del nosocomio milanese che, sotto la sua direzione, è divenuto un centro di riferimento nazionale e internazionale per la chirurgia riparativa della valvola mitrale, per la chirurgia della fibrillazione atriale e dello scompenso cardiaco e per la chirurgia coronarica a cuore battente. Alfieri ha voluto concepire, di concerto con l’amministrazione del “San Raffaele”, l’unità di cardiochirurgia sulla base del concetto dell’“heart team”, con specialisti diversi (cardiologo, aritmologo, chirurgo vascolare, cardiochirurgo)che concorrono assieme alla risoluzione della patologia. “E’ doveroso da parte mia anzitutto  esprimere profonda gratitudine verso il professor Alfieri – racconta De Bonis - perché è a lui che dobbiamo tutto ciò che abbiamo imparato, sia io che il professor Castiglioni, assieme a tutti quelli che hanno l’onore ed il privilegio di lavorare in questa istituzione. Sarebbe difficile riassumere in poco tempo tutto quello che in quasi 20 anni di attività professionale è riuscito a trasmetterci. Quindi il fatto che abbia, assieme alla presidenza ed all’amministrazione, perseguito l’obiettivo di lasciare la sua eredità così importante e così grande a me e a Castiglioni ci riempie di gioia e gratitudine. Ovviamente siamo molto felici che il professor  Alfieri – continua il luminare lucano - abbia deciso di continuare a dare il suo contributo prezioso all’unità”. Quanto ai progetti futuri, l’augurio del professore pietragallese è quello di “realizzare con tutto il team soluzioni innovative in ambito terapeutico, di promuovere il concetto della cooperazione con le altre unità dell’area cardio-toraco-vascolare del nostro istituto, formare e promuovere i giovani colleghi che ci circondano e sviluppare assieme a loro ancora di più la ricerca che è il cuore di tutto e parte integrante del nostro lavoro”.

Alessandro Boccia

Motocavalcata dei 3 Boschi

  • Passione + Divertimento = Promozione del territorio

“II Motocavalcata dei 3 Boschi” non una semplice manifestazione bensì un evento che coinvolge tutta Cancellara. 400 i partecipanti sulle due ruote, provenienti da paesi limitrofi e regioni confinanti, che hanno percorso circa 90 km partendo dal campo sportivo del paese per spostarsi nei sentieri impervi e boschivi fra Cancellara, Pietragalla, Acerenza, Oppido Lucano, Vaglio e Tolve.

Per riscaldare bene i motori all’inizio i motociclisti si sono cimentati in un piccolo tratto di enduro indoor( tra gomme, pietre e tronchi) accompagnato da un tragitto cittadino che ha attraversato le scalinate del piccolo borgo animando gli stessi concittadini. A metà percorso inoltre hanno avuto la possibilità di fermarsi per gustare un panino caldo e bere qualcosa sullo splendido panorama della diga di Acerenza, per finire uno squisito e abbondante pranzo ha contornato la buona riuscita dell’evento.

Grande successo quindi per i ragazzi del neonato MotoClub BasilicataOffRoad che si sono impegnati al massimo per garantire una buona accoglienza a tutti e divertimento assicurato, grazie al supporto del Sindaco e l’Amministrazione tutta, allo staff dei volontari, a brillanti associazioni quali Proloco, Anima loci e Croce rossa, nonché a tutti gli sponsor. Entusiasmo alle stelle per tutti gli enduristi che attendono già una terza edizione, ricca di numerose novità.

  • Fotogallery



Cantinarte 2017

  • CANTINARTE 2017: SI REPLICA QUESTA SERA 20 AGOSTO

CantinArte: storia di terra e sapori, di suoni e visioni. Un condensato di suggestioni, bellezza, tradizioni nel Parco Urbano delle Cantine e dei Palmenti di Pietragalla. Vivi anche quest'anno con noi le emozioni della festa nel percorso enogastronomico ed artistico anche questa sera domenica 20 Agosto.

Riscoprendo Monte Torretta

  • I tesori nascosti del Museo Provinciale di Potenza” è il titolo dell’allestimento che verrà inaugurato il prossimo 18 agosto 2017

"Riscoprendo Monte Torretta di Pietragalla. I tesori nascosti del Museo Provinciale di Potenza” è il titolo dell’allestimento che verrà inaugurato il prossimo 18 agosto 2017 al Museo archeologico provinciale Michele Lacava, in via Lazio, 18 (Potenza)- ore 18.00.
L’inaugurazione della mostra archeologica e documentaria rappresenta una tappa significativa di un lungo percorso di sinergie istituzionali, iniziato qualche mese fa con l’attivazione da parte della Provincia di Potenza dell’Art Bonus per finanziare l’esposizione e proseguito, in seguito, con la sottoscrizione di una intesa per la valorizzazione del sito di Monte Torretta tra Provincia di Potenza, Comune di Pietragalla, Apt, Regione Basilicata, Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio, Polo museale regionale, Cnr-Ibam, Università di Basilicata, Université Paris 1 Panthéon Sorbonne e Humboldt-Universität zu Berlin. La mostra, concepita e diretta da tre archeologi lucani, V. Capozzoli, A. Di Noia e L. Zotta, si inserisce dunque nell'ambito di un ambizioso progetto di ricerca storico-archeologica avviatosi lo scorso 7 agosto con la ripresa sul sito, dopo 50 anni dagli ultimi studi, di una prima campagna di ricerche grazie all’impegno dei due enti universitari stranieri. Dell’articolata struttura organizzativa fa anche parte, per la prima volta nella storia della ricerca archeologica in Basilicata, il Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO della Regione Basilicata.
Dopo i saluti del presidente della Provincia di Potenza Nicola Valluzzi e del sindaco di Pietragalla Nicola Sabina, interverranno all’inaugurazione Enrico Spera, dirigente Edilizia e Territorio della Provincia di Potenza, Francesco Canestrini, Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio, Vincenzo Capozzoli, Olivier de Cazanove e Alain Duplouy, Université Paris 1 Panthéon Sorbonne, Michele Cignarale, progettista culturale, Agnes Henning, Humboldt-Universität zu Berlin, Luigi Zotta, referente per l’Area Cultura e Innovazione del Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco della Regione Basilicata e Mariano Schiavone, direttore dell’Apt.
La mostra consentirà di riscoprire nei molteplici aspetti le indagini di Ranaldi – direttore del Museo Provinciale di Potenza tra il 1956 ed il 1965 e artefice dei primi scavi sul sito – e costituirà al contempo il ritorno sulla scena nazionale e internazionale di alcune straordinarie opere d’arte, come una superba statuetta bronzea raffigurante Eracle in lotta con il serpente dell’Idra o ancora un prezioso thymiaterion bronzeo con gallo mobile realizzato nel medesimo materiale.


Personale di pittura dell’artista Antonio Cillis a Pietragalla

  • L’appuntamento è fissato con il vernissage di lunedì 14 agosto alle ore 20:00

E’ tutto pronto per l’apertura della mostra dell’artista lucano Antonio Cillis. L’appuntamento è fissato con il vernissage di lunedì 14 agosto alle ore 20:00 presso il centralissimo Hotel Ailanthus in via Vittorio Emanuele III a Pietragalla. Sarà Grazia Pastore, autorevole critico d’arte, a presentare le opere in mostra in presenza dell’artista e delle autorità locali. Opere che hanno come tema principale “Le porte chiuse” e con le quali l’artista si mette in gioco sviluppando colori e immagini per addentrarci in un mondo parallelo, quello dell’introspezione. La personale di pittura dell’artista si svolgerà dal 14 aosto al 20 agosto con orario di apertura dalle 20:00 alle 23:30.

   

 

Una equipe Franco-tedesca di archeologi per studiare Monte Torretta

  • L’equipe composta da 14 ricercatori, soggiornerà a Pietragalla dal 6 al 20 agosto

Un'altra importante tappa sta per iniziare. A 50 anni dalle ultime ricerche condotte sul sito di Monte Torretta si annuncia la ripresa degli studi a partire dal prossimo 6 agosto grazie alla partnership sviluppata tra il Comune di Pietragalla, la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Basilicata, la Regione Basilicata, Université Paris-Sorbonne, Humboldt-Universität zu Berlin, IBAM CNR - Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali, IMAA CNR- Istituto di Metodologie per l'Analisi Ambientale, la Scuola di Scienze Agrarie dell'Università degli Studi della Basilicata e con il prezioso coordinamento logistico della Pro Loco Pietragalla. L'equipe è composta da 14 tra ricercatori, dottorandi, studenti e docenti dei due atenei stranieri che trascorreranno il periodo pietragallese in ospitalità diffusa, con possibilità di visite guidate al sito e momenti d'incontro con i cittadini. Al termine del soggiorno di ricerca, infatti, si terrà una conferenza di presentazione dei dati e delle prospettive future alla presenza dei principali interlocutori istituzionali al fine di informare e rendere partecipe la cittadinanza dei progressi e delle progettualità messe in campo per la valorizzazione del sito. Crediamo che l'archeologia possa stimolare non solo il progresso e l'avanzamento scientifico ma anche uno sviluppo culturale, turistico ed economico in grado di ampliare le ricadute positive per i nostri territori. Le due squadre stanno già mettendo a punto un sistema di registrazione e gestione dei dati con l'elaborazione di una banca dati relazionale e di un sig per essere messo online, a disposizione del grande pubblico. Parallelamente al lavoro degli archeologi, questa prima campagna vedrà la presenza del Cnr italiano (imaa di Marsico nuovo) che diventando di condurre le prospezioni geofisici di una parte dell'habitat antico. Alla fine del cantiere, i ricercatori presenteranno un bilancio preliminare dei risultati in una conferenza stampa, la cui data precisa sarà comunicata a breve.

“Questo sito utilizza i cookie. Se prosegui la navigazione accetti il loro uso.” Info aggiuntive | Close