Itinerari di arte

Itinerari di arte

I nostri borghi veri e propri giacimenti culturali. More »

Itinerari naturali

Itinerari naturali

Un territorio verde ancora incontaminato vera sorgente di benessere More »

 

Category Archives: Uncategorized

A Firenze la Mostra “Maternità divine, sculture lignee della Basilicata

  • Al via sabato 16 dicembre una mostra che va dal medioevo al settecento

Al via domani, sabato 16 dicembre, a Firenze, la Mostra “Maternità divine. Sculture lignee della Basilicata dal Medioevo al Settecento”.

La mostra, promossa e sostenuta dall’Agenzia di Promozione Territoriale della Regione Basilicata, realizzata dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Basilicata e patrocinata dal Comune di Firenze-Ufficio UNESCO e l’Opera di Santa Croce di Firenze, insieme al presepe monumentale del maestro Franco Artese, allestito nella Basilica di Santo Spirito, si pone come una delle due manifestazioni artistiche dalla connotazione fortemente spirituale che quest’anno hanno “portato" la Basilicata nel capoluogo toscano.

La mostra collocata nel complesso monumentale espositivo dell’Opera di Santa Croce, affidata dal direttore della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio della Basilicata Francesco Canestrini alla cura scientifica di Elisa Acanfora, docente di Storia dell’Arte Moderna dell’Università della Basilicata, sarà visitabile fino al 24 marzo 2018.

“Le chiese e i complessi monumentali presenti sull’intero territorio della Basilicata conservano soprattutto decorazioni, statue ed opere nelle quali si nota l’alta qualità degli artigiani del legno. La presenza diffusa di sculture lignee o in cartapesta attesta l’esistenza in Basilicata di scuole di intagliatori o cartapestari che sono stati in grado di diffondere le proprie opere ispirandosi ai maestri o ai modelli provenienti da centri più noti, ricchi di botteghe e di valenti artisti già affermati. È proprio da questa miriade di artisti che scaturisce la ricchezza del patrimonio scultoreo del nostro paese e della Basilicata in particolare - spiega il direttore della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio della Basilicata Francesco Canestrini -. Le madonne lignee che, con il sostegno dell’APT della Basilicata e in collaborazione con il Comune di Firenze, abbiamo riunito nella mostra “Maternità divine” presso il Sacrario di Santa Croce a Firenze sono la testimonianza del fruttuoso lavoro svolto sul campo da tutti funzionari storici dell’arte, restauratori, presenti in Soprintendenza, e costituiscono gli esempi più significativi di un grande patrimonio diffuso nella regione, in molti casi ancora in pericolo, per il quale si sta ancora operando per garantire efficaci opere di tutela che ne consentano la conservazione e la trasmissione alle future generazioni”.

Nella scelta mirata di 16 opere di grande qualità, la mostra vuole offrire un panorama del prezioso patrimonio lucano nel campo della statuaria lignea dal Medioevo al Settecento. L’esposizione si chiude con due ‘Madonne vestite’, provenienti rispettivamente da Muro Lucano e a da Matera, vero e proprio genere, quello del ‘manichino vestito’, che si lega in particolare alla devozionalità e alla spettacolarità delle processioni.

“La mostra presenta 16 magnifiche sculture lignee, legate al tema della Madonna e della Natività, che provengono da varie diocesi della Basilicata, regione dove il culto mariano è ancora oggi molto sentito - commenta la prof.ssa Acanfora -. A grandezza naturale, o comunque di grandi dimensioni, alcune di queste opere sono inedite e costituiscono dunque una scoperta anche per gli specialisti. Tutte, comunque, non sono mai uscite fuori dai confini regionali ed è questa l’occasione per mostrarle al grande pubblico”.

Sabato 16 dicembre alle ore 11.00 la mostra verrà inaugurata nella Basilica di Santa Croce con la narrazione poetica “Legno madre, nome sciame” a cura di Davide Rondoni intervallato da un accompagnamento musicale a cura di Giacomo Grava. “Grava è milanese ma lavora all'orchestra del Maggio fiorentino. È un musicista dotatissimo, nato in una famiglia di musicisti. Con lui ho già collaborato in diversi teatri e città con letture di poesia e musica - commenta Davide Rondoni - Non so se interpreterò il sentimento lucano, di certo guardando quelle opere così delicate e forti, così barbare e cristiane sono stato spinto a scrivere un testo dove come sempre mi accade il cuore sanguina e sorride, si perde e canta. I romagnoli come me forse hanno questo in comune con i lucani, una certa durezza, scontrosità che però dentro è movimentata, turbata di dolcezze e sfumature”.

“Gli eventi della Basilicata a Firenze in queste festività – conclude il Direttore generale dell’APT Mariano Schiavone – sono la testimonianza di come la promozione del nostro territorio possa essere rafforzata attraverso azioni capaci di coniugare una visione strategica alla qualità delle attività realizzate. Questa mostra in particolare, anche in virtù della partnership con Soprintendenza e Università, è una reale conferma di come la qualità dell’arte sacra in Basilicata sia diffusa su tutto il territorio. Il nostro obiettivo è dunque cogliere la doppia opportunità che ci vede, da un lato, impegnati a valorizzare le nostre ricchezze artistiche e culturali e, dall’altro, a far sì che tali risorse possano essere veicolo privilegiato per promuovere l’intero il territorio. In questa doppia ottica Firenze, proprio per la sua autorevolezza nella storia dell’arte italiana, rappresenta un’occasione importante che abbiamo ritenuto opportuno cogliere”

www.basilicataturistica.com

Il lucano Donato Telesca si laurea campione del mondo ai mondiali juniores paralimpici in Messico.

  • Oro e record mondiale.

Un vero e proprio trionfo per Donato Telesca, giovane atleta pietragallese che in un colpo conquista titolo iridato e record mondiale nella categoria 72 kg juniores ai mondiali paralimpici in Messico. Vince facile Donato, sollevando 159 kg (nuovo record mondiale), mette in fila i suoi concorrenti, il colombiano Grueso che solleva 128 kg, e il turco Karakoc con i suoi 125 kg. Non c'è storia, la supremazia è netta a dimostrazione del fatto che Donato con passione e nello stesso tempo spirito di sacrificio si è allena duramente supportato dello staff tecnico della F.I.P.A. (Federazione Italiana Pesistica). Il 2 dicembre è stato dunque una giornata storica per lo sport lucano e Pietragalla lo attende per dargli il suo abbraccio in segno di gioia e gratitudine per aver onorato la sua comunità.

AUGURI CAMPIONE E CHE LA FESTA ABBIA INIZIO !!!



E’ originario di Pietragalla il nuovo primario di cardiochirurgia delle terapie avanzate dell’ospedale “San Raffaele” di Milano.

  • Raccoglie l’eredità del professor Ottavio Alfieri, primario dal 1996

E’ originario di Pietragalla il nuovo primario di cardiochirurgia delle terapie avanzate dell’ospedale “San Raffaele” di Milano. Michele De Bonis, originario di Pietragalla, assieme al professor Alessandro Castiglioni, nuovo primario dell'unità operativa di cardiochirurgia, raccoglie l’eredità del professor Ottavio Alfieri, primario dal 1996 della cardiochirurgia del nosocomio milanese che, sotto la sua direzione, è divenuto un centro di riferimento nazionale e internazionale per la chirurgia riparativa della valvola mitrale, per la chirurgia della fibrillazione atriale e dello scompenso cardiaco e per la chirurgia coronarica a cuore battente. Alfieri ha voluto concepire, di concerto con l’amministrazione del “San Raffaele”, l’unità di cardiochirurgia sulla base del concetto dell’“heart team”, con specialisti diversi (cardiologo, aritmologo, chirurgo vascolare, cardiochirurgo)che concorrono assieme alla risoluzione della patologia. “E’ doveroso da parte mia anzitutto  esprimere profonda gratitudine verso il professor Alfieri – racconta De Bonis - perché è a lui che dobbiamo tutto ciò che abbiamo imparato, sia io che il professor Castiglioni, assieme a tutti quelli che hanno l’onore ed il privilegio di lavorare in questa istituzione. Sarebbe difficile riassumere in poco tempo tutto quello che in quasi 20 anni di attività professionale è riuscito a trasmetterci. Quindi il fatto che abbia, assieme alla presidenza ed all’amministrazione, perseguito l’obiettivo di lasciare la sua eredità così importante e così grande a me e a Castiglioni ci riempie di gioia e gratitudine. Ovviamente siamo molto felici che il professor  Alfieri – continua il luminare lucano - abbia deciso di continuare a dare il suo contributo prezioso all’unità”. Quanto ai progetti futuri, l’augurio del professore pietragallese è quello di “realizzare con tutto il team soluzioni innovative in ambito terapeutico, di promuovere il concetto della cooperazione con le altre unità dell’area cardio-toraco-vascolare del nostro istituto, formare e promuovere i giovani colleghi che ci circondano e sviluppare assieme a loro ancora di più la ricerca che è il cuore di tutto e parte integrante del nostro lavoro”.

Alessandro Boccia

I ristorati lucani i più apprezzati d’Italia

  • La Basilicata al WTM Londra

    • Cibo, slow tourism e Matera le principali opportunità per i prossimi anni

Nel 2018 l’Italia turistica punterà prevalentemente sul cibo e la Basilicata si presenta a questo appuntamento con una importante novità di sicura efficacia per la promozione territoriale attraverso un settore divenuto ormai di primaria importanza.Buone notizie che provengono dalla WTM – World Travel Market, la fiera turistica in corso in questi giorni a Londra e a cui la Basilicata sta partecipando in collaborazione con Enit Italia che, nella conferenza di presentazione di risultati e strategie, ha diffuso la ricerca da cui risulta che i ristoranti della Basilicata sono i più apprezzati d’Italia dai turisti e godono del miglior sentiment online.

Il risultato si aggiunge ai recenti riconoscimenti ottenuti alla TTG e agli Hospitality Day di Rimini, dove la Basilicata è stata premiata per la migliore reputazione online tra gli stranieri e per il secondo posto assoluto dopo l’Alto Adige e dove è salita al terzo posto per la migliore attività di social media marketing tra destinazioni turistiche e prima fra tutte le regioni.“Alla WTM – commenta il direttore generale dell’APT Basilicata Mariano Schiavone - il Ministro alla Cultura e Turismo Dario Franceschini ha annunciato che il 2018 sarà proprio l’anno del cibo e non è un caso che il Mibact decide di investire in promozione turistica chiamando le regioni a tenere unita la promozione al cibo. Si tratta di uno dei principali canali di marketing e dunque va posta particolare attenzione, oltre che agli aspetti relativi alla produzione ed alla distribuzione, anche a come questo settore diventi strategico per il turismo. Nello stesso tempo diventa una responsabilità dell’intero sistema che dovrà mantenersi all’altezza della reputation che in questi anni ci viene attribuita. Dal WTM di Londra e dalla conferenza di Enit e Mibact è emerso che la Basilicata avrà grandi possibilità nei prossimi due anni grazie proprio al suo food, allo slow tourism e a Matera”.



Motocavalcata dei 3 Boschi

  • Passione + Divertimento = Promozione del territorio

“II Motocavalcata dei 3 Boschi” non una semplice manifestazione bensì un evento che coinvolge tutta Cancellara. 400 i partecipanti sulle due ruote, provenienti da paesi limitrofi e regioni confinanti, che hanno percorso circa 90 km partendo dal campo sportivo del paese per spostarsi nei sentieri impervi e boschivi fra Cancellara, Pietragalla, Acerenza, Oppido Lucano, Vaglio e Tolve.

Per riscaldare bene i motori all’inizio i motociclisti si sono cimentati in un piccolo tratto di enduro indoor( tra gomme, pietre e tronchi) accompagnato da un tragitto cittadino che ha attraversato le scalinate del piccolo borgo animando gli stessi concittadini. A metà percorso inoltre hanno avuto la possibilità di fermarsi per gustare un panino caldo e bere qualcosa sullo splendido panorama della diga di Acerenza, per finire uno squisito e abbondante pranzo ha contornato la buona riuscita dell’evento.

Grande successo quindi per i ragazzi del neonato MotoClub BasilicataOffRoad che si sono impegnati al massimo per garantire una buona accoglienza a tutti e divertimento assicurato, grazie al supporto del Sindaco e l’Amministrazione tutta, allo staff dei volontari, a brillanti associazioni quali Proloco, Anima loci e Croce rossa, nonché a tutti gli sponsor. Entusiasmo alle stelle per tutti gli enduristi che attendono già una terza edizione, ricca di numerose novità.

  • Fotogallery



Dieci artisti lucani alla “Florence Biennale 2017”

  • In APT conferenza di presentazione del progetto di Porta Coeli

    • Alla XI Mostra Internazionale d’Arte Contemporanea di Firenze parteciperà anche l'artista acheruntino Antonio Saluzzi.

“Florence Biennale 2017”, la XI Mostra Internazionale d’Arte Contemporanea di Firenze, ospiterà dal 6 al 16 ottobre 2017 dieci artisti lucani grazie al progetto “GENESIS – Arte contemporanea dalla Basilicata”, realizzato da Porta Coeli International Art Gallery di Venosa.  L’iniziativa, che vede la collaborazione dell’Agenzia di Promozione Territoriale della Basilicata, sarà presentata alla stampa venerdì 29 settembre 2017, alle ore 12, presso i locali dell’APT in Via del Gallitello, 89, a Potenza. Saranno presenti alla conferenza stampa l’ideatore del progetto, Aniello Ertico, direttore di Porta Coeli International Art Gallery, e il direttore generale dell’APT, Mariano Schiavone. Inoltre parteciperanno gli artisti presenti in quasi tutte le categorie previste dalla XI Mostra Internazionale d’Arte Contemporanea di Firenze (mixed media, istallazioni, fotografia, scultura, ceramica, gioiello d’arte, video art, performance): Salvatore Comminiello, Nadia Kibout, Donato Linzalata, Salvatore Laurenzana, Antonella Rubertone, Antonio Saluzzi, Nicola Divietri, Nisio Lopergolo e Paola Salvia.Sarà infine presentato il “Premio Porta Coeli Residenza d’Artista 2018”, che verrà attribuito, previa selezione dello staff di Porta Coeli, ad un artista internazionale individuato tra i circa cinquecento partecipanti all’edizione 2017 della Florence Biennale.



Matera 2019 tra Palermo e Milano.

  • Un ponte ideale tra grandi capitali culturali del Sud e del Nord dell’Italia.

    • Una serata di grande musica nel segno dell’amicizia e della collaborazione fra Matera, la Basilicata e Milano. Salvatore Accardo e l’Orchestra da Camera Italiana proporranno per l’occasione “Le Quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi, il compositore con origini lucane.

Una delle azioni più significative che l’APT ha avviato sin dal 2016 è quella di creare accordi di collaborazione con le due grandi città che segnano idealmente i confini Nord e Sud del nostro Paese, Milano e Palermo, per costruire insieme progetti di promozione reciproca dei territori, quali mete di primario interesse per il turismo internazionale. Nella prospettiva di Matera 2019, Milano e Palermo diventano per l’Agenzia di Promozione Territoriale della Basilicata le “porte di accesso” ideali alla Capitale europea della cultura. Azioni di comunicazione stabili ed eventi condivisi rappresentano il cuore delle attività promozionali da realizzarsi tra il 2017 e il 2019.

E’ la strategia che sta guidando l’attività dell’Apt delle ultime settimane e che ha portato alla sottoscrizione dell’accordo con il Comune di Milano e alla condivisione del progetto che vedrà coinvolta la Città di Palermo.

L’intesa raggiunta con il capoluogo lombardo sarà ufficializzata con il concerto del Maestro Salvatore Accardo che si terrà all’Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, il prossimo 15 ottobre. Un evento di forte richiamo offerto alla Città, per coinvolgere il pubblico, in particolare i giovani, in una serata di grande musica nel segno dell’amicizia e della collaborazione fra Matera, la Basilicata e Milano. Salvatore Accardo e l’Orchestra da Camera Italiana proporranno per l’occasione “Le Quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi, il compositore con origini lucane.

Anche su Palermo la relazione è avviata. Nei giorni scorsi, su invito di APT Basilicata, il sindaco del capoluogo siciliano Leoluca Orlando e l’assessore alla cultura Andrea Cusumano hanno incontrato presso la sede di rappresentanza della Città metropolitana di Villa Niscemi una delegazione dell’Agenzia di Promozione Territoriale Basilicata guidata dal direttore generale Mariano Luigi Schiavone. “L’idea – evidenzia Schiavone – è quella di rendere possibile e fruttuoso un contatto fra Palermo, Milano e Matera nel segno della cultura e della creatività. In questo senso, le tre città possono trovare un terreno di comunicazione condivisa a partire da quella visione di sviluppo incentrata su innovazione e conoscenza che evidentemente le accomuna, creando progetti originali da declinare in nuovi prodotti di attrattività turistica”.

 


Un lucano eletto vicepresidente UEFA

  • MICHELE UVA, LUCANO DOC, ELETTO VICEPRESIDENTE UEFA

    • Le congratulazioni del presidente Angelo Tortorelli al neo vicepresidente dell’Uefa Michele Uva per aver raggiunto un incarico così prestigioso.

“Competenza e passione sono i tratti distintivi di Michele Uva, neo vicepresidente dell'Uefa – afferma Angelo Tortorelli, presidente della Camera di Commercio di Matera – doverosi sono gli auguri per il nuovo e prestigioso incarico che svolgerà portandovi tutta la sua esperienza di dirigente sportivo ai massimi livelli. Un pizzico di orgoglio va confessato nel vedere ai vertici del calcio mondiale un italiano, un lucano, un materano. Michele Uva - prosegue Tortorelli - ha sempre mantenuto il legame con la sua città. Solo pochi mesi fa, a giugno, ha voluto essere presente alla prima edizione del trofeo Guerrieri buoni memorial Davide e Luca Cotrufo”. Portatore di valori nello sport, Michele Uva parteciperà il 23 ottobre a una tavola rotonda che si terrà nell’ambito della Borsa Internazionale del Turismo a Verona. “All’incontro parteciperanno il presidente nazionale Unioncamere, i vertici dell’Enit, l’ente di promozione del turismo, e dell’Ice, il direttore generale del Ministero dei Beni culturali – dice il presidente Tortorelli – e Michele Uva. La tavola rotonda metterà in luce la stretta relazione fra la Dieta mediterranea, patrimonio immateriale Unesco, e i siti Unesco. Relazione che è alla base del progetto di rete Mirabilia, che promuove il turismo verso mete meno conosciute anche e soprattutto attraverso la valorizzazione delle eccellenze dell’agroalimentare”.
 

Foto pubblicate per gentile concessione di Sassilive.

  • Biografia neo vicepresidente dell’Uefa Michele Uva

Michele Uva, 52 anni, è il nuovo vicepresidente dell'Uefa, che ha ufficializzato la nomina dell'attuale direttore generale della Federcalcio. Il direttore generale della Figc, materano classe '64, ha iniziato il suo percorso professionale di dirigente sportivo nel 1985 nel mondo della pallavolo, per passare successivamente al basket, direttore generale della Lottomatica Virtus Roma. Nel 2009 Uva entra nella Federcalcio, prima guidando la candidatura dell'Italia agli Europei 2016 e diventando poi nel 2010 direttore di un nuovo dipartimento chiamato "Centro Studi, Sviluppo e Iniziative Speciali". Nel 2013 viene nominato Direttore Generale della Coni Servizi e due anni più tardi Direttore Generale della Figc. Uva era entrato nell'Esecutivo dell'Uefa lo scorso aprile.

Importante vetrina su RaiDue per il Vulture

  • Schiavone (APT): “Importante vetrina su RaiDue per il Vulture”

    • “La vetrina che RaiDue ha dedicato alla Basilicata in occasione della puntata di Sereno Variabile, interamente sul Vulture, rappresenta un importante contributo alla promozione turistica di un’area che noi riteniamo strategica per lo sviluppo turistico dell’intera regione”.

E’ quanto dichiara il direttore generale dell’APT Basilicata, Mariano Schiavone, a seguito della trasmissione andata in onda sabato 16 settembre scorso su RaiDue, diretta al vasto pubblico che da circa trent’anni è interessato al programma ideato dallo storico conduttore Osvaldo Bevilacqua.“Si tratta di un’utile azione – continua il direttore dell’Agenzia – che al di là delle scelte editoriali degli autori, offre una fotografia complessiva della variegata offerta turistica del Vulture, dotata di potenzialità e qualità di grande capacità attrattiva”.Storia, natura, cultura, borghi, enogastronomia e tradizioni, il Vulture raccontato dal nuovo conduttore Giovanni Muciaccia (che affianca Bevilacqua) il quale ha presentato unicità che solo la Basilicata può offrire nel panorama turistico nazionale e che possono rappresentare una “bella scoperta” per tutti i viaggiatori e i turisti che ancora non hanno avuto occasione di visitarla.

“Questa iniziativa, – chiude il direttore dell’Agenzia di Promozione Territoriale lucana – frutto della collaborazione tra Rai e Apt, parte dagli eventi del Capodanno voluti dalla Regione per estendersi ad altri format e appuntamenti che riguarderanno il territorio della regione nel suo insieme”.

San Rocco Tolve Agosto 2017

  • FOTOGALLERY PELLEGRINAGGIO GRUPPO DI PIETRAGALLA

“Questo sito utilizza i cookie. Se prosegui la navigazione accetti il loro uso.” Info aggiuntive | Close