Itinerari di arte

Itinerari di arte

I nostri borghi veri e propri giacimenti culturali. More »

Itinerari naturali

Itinerari naturali

Un territorio verde ancora incontaminato vera sorgente di benessere More »

 

Cantine in Basilicata:Il Parco delle Cantine di Pietragalla

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Dopo la fermentazione del mosto che avveniva nei palmenti, situati a Sud Est del paese, il vino veniva trasportato fino alla parte “alta”del paese in cui vi erano e tuttora sono presenti le cantine (in pietragallese le cosidette “Rutte”).
Sono ubicate a Nord Ovest, nella parte inferiore del borgo antico, quindi in tutt’altra zona rispetto ai palmenti.
Tale zona, poco esposta al sole,assicura anche d’estate freschezza ai localiper favorire una migliore conservazione del vino che è gelosamente custodito in botti di rovere.
Ancora una volta i contadini di un tempo oltre al senso pratico, hanno dimostrato di avere un ingegno, uno spirito di osservazione ed adattamento invidiabile considerando il contesto sociale in cui vivevano.
Questa cantine, sono delle vere e proprie grotte o per meglio dire delle cavità che sembrano portarci verso le viscere della terra e in alcuni casi è quasi impossibile verificare dove terminano.
Sono costruzioni molto particolari, la cui peculiaritàè la perfetta combinazione tra natura e ingegno dell’uomo il quale sapendosi adattare alla morfologia del suolo riesce con sapienza e pazienza a scavare e modellare la roccia tufacea di cui il suolo stesso prevalentemente si compone.
Da qui scaturisce una rete di tunnel, una sorta di mondo sotterraneo in corrispondenza del centro storico,un luogo ricco di fascino e di misteroche molte volte ha stimolato la fantasia della gente del posto.
Di aneddoti su queste cavità sotterranee se ne possono raccontare tanti,maesse vogliono soprattutto testimoniare la grande vocazione vitivinicola che questo borgo aveva sia per la quantità che per la eccelsa qualità del suo vino.
Vi è un numero elevato di cantineed è impresa molto ardua contarle tutte; si susseguono una dopo l’altra lungo via Neviera e lungo la via “Mancosa”, zone nelle quali vi è la maggiore concentrazione, ma sono dislocate anche in altri posti del paese.

Percorso lungo la Via Neviera


Percorso lungo la Via Mancosa


Cantina “Zcchin” foto di Giovanni Lancellotti

Foto Giuseppe CIllis

Il loro ingresso è caratterizzato da antiche porte di legno ormai marcescente e a volte anche da portali e da archi a botte completamente realizzati in pietra.
Situate generalmente rispetto al livello stradale ad una profondità che va dai 4 ai 5 metri, vi si accede tramite una scala interna in pietra o in tufo.
Le cantine si sviluppano al di sotto delle abitazioni spingendosi a profondità considerevoli al cui interno si sviluppa una notevole escursione termica con un abbassamento di temperatura che raggiunge circa 7 °C che assicura un habitat naturale per la conservazione del vino.
La chiusura orizzontale che delimita questi locali da quelli soprastanti delle abitazioni è del tipo volta a botte che può essere in pietra locale oppure ricavata nelle roccia tufacea.
Per favorire la ventilazione e quindi il miglioramento delle condizioni termoigrometriche al loro interno sono stati predisposti dei fori nella muratura o delle finestrelle di dimensioni generalmente 10×20 cm.
Tantissime botti a destra e sinistra e spesso non si riesce nemmeno a contarle tutte. Per farlo in alcuni casi bisogna percorrere l’intera cantina perchè sono talmente lunghe da avere anche curve o rientranze. Forse le foto rendono più delle parole..


Foto Giuseppe CIllis